Piano B: Science Finally Wins Over Politics (Op-Ed)

{h1}

La casa bianca ora rimanda alla scienza sul piano b, un risultato che era in ritardo.

Michael Halpern, program manager presso il Center for Science and Democracy presso l'Union of Concerned Scientists, ha contribuito questo articolo a WordsSideKick.com Voci esperte: Op-Ed e approfondimenti.

La Casa Bianca ha annunciato lunedì (10 giugno) che si rimetterà definitivamente al giudizio scientifico sull'accesso alla contraccezione d'emergenza. Per gli esperti medici, questo problema non riguarda la politica liberale o conservatrice. Si tratta di seguire le leggi sulla sicurezza dei farmaci che mettono la scienza e la sicurezza pubblica al di sopra della partigianeria.

Nello specifico, l'amministrazione Obama ha ritirato la sua sfida all'ordine di un giudice federale per rendere nota la pillola anticoncezionale d'emergenza nota come Plan B - o più colloquialmente, come "pillola del giorno dopo" - disponibile in commercio alle donne di tutte le età. Esperti medici presso la Food and Drug Administration (FDA) hanno ripetutamente trovato che è sicuro ampliare l'accesso alla pillola, ma i politici hanno continuato a scavalcare il loro giudizio scientifico.

Ad aprile, dopo anni di lotte giudiziarie, il giudice federale Edward Korman, un incaricato di Ronald Reagan che era stato candidato per un membro del Congresso repubblicano, fece saltare la decisione dell'amministrazione di limitare l'accesso al piano B come "arbitrario, capriccioso e irragionevole". Ha detto che i tentativi delle amministrazioni Bush e Obama di abusare della scienza sul piano B equivalgono a un ostruzionismo amministrativo. [Pillola del giorno dopo: polemica del piano B spiegata]

Si spera che 10 anni di tentativi bipartitici di travisare la scienza sul piano B possano ora essere messi a riposo.

A differenza di altre pillole che possono interrompere le gravidanze, il Piano B è un contraccettivo. Sebbene le prove mediche dimostrino che il farmaco è sicuro ed efficace per tutte le donne, la pillola ha provocato distorsioni e distrazioni da entrambi i lati della grande divisione politica. Alcuni a destra affermano che un maggiore accesso alla pillola si tradurrà in una maggiore attività sessuale - una pretesa infondata. Il presidente, nel frattempo, ha espresso schizzinosità genitoriale e ha messo in discussione se gli adolescenti siano in grado di usare tranquillamente il farmaco, nonostante il fatto che la FDA abbia scoperto che lo sono.

La legge federale sulla sicurezza dei farmaci si basa sulla scienza. Questo ha senso. Gli esperti medici - non i politici, i gruppi di interesse o i contributori della campagna - sono nella posizione migliore per valutare in modo indipendente la sicurezza di un farmaco, che si tratti di contraccezione d'emergenza, antidolorifici o farmaci per il cuore. Ma per 10 anni, quegli esperti sono stati messi da parte.

Alla fine del 2003, gli scienziati della FDA e un gruppo di esperti indipendenti hanno raccomandato che il piano B fosse reso disponibile allo sportello. Con una mossa molto insolita, i responsabili politici dell'amministrazione Bush hanno respinto l'analisi degli scienziati. La Dott.ssa Susan Wood, che ha guidato l'Ufficio per la salute delle donne della FDA, si è dimessa in segno di protesta, scrivendo ai suoi colleghi: "Non posso più servire come personale quando prove scientifiche e cliniche... sono state annullate".

La decisione di negare le vendite allo sportello ha innescato anni di lotte giudiziarie e di arresti, risposte arbitrarie che coprono due amministrazioni. Nel 2009, un tribunale ha ordinato alla FDA di rivalutare le prove. Gli scienziati hanno nuovamente determinato che il farmaco è sicuro. Ma, nel dicembre 2011, il segretario del Dipartimento dei servizi sanitari e umani Kathleen Sebelius ha annullato l'agenzia per ragioni politiche.

Era la prima volta che il dipartimento lo faceva e gli esperti medici dell'American Medical Association all'American Academy of Pediatrics erano scioccati. Quindi, di nuovo, è tornato in tribunale.

È un peccato quante migliaia di ore e milioni di dollari sono stati spesi nell'ultimo decennio cercando di ottenere questa decisione giusta. Il giudice Korman dovrebbe essere elogiato per la sua decisione. Ha fatto ciò che le due amministrazioni non hanno fatto: seguire la legge e prendere una decisione sull'accesso a un farmaco basato su prove mediche.

Il presidente Obama, che in un discorso di aprile all'Accademia nazionale delle scienze ha promesso "fedeltà ai fatti e alla verità", ha finalmente legittimamente permesso alla sentenza del giudice di alzarsi in piedi.

Sfortunatamente, i responsabili delle politiche nei rami legislativo ed esecutivo sono sempre più disposti ad ignorare, manipolare o attaccare la scienza per servire i programmi politici. Spesso i tribunali non permettono loro di farla franca. Che sia la capacità dell'Agenzia di protezione ambientale di classificare gli inquinanti atmosferici o il dovere della Commissione sulla sicurezza dei prodotti dei consumatori di determinare se i giocattoli dei bambini siano sicuri o meno, i tribunali federali hanno sistematicamente difeso la scienza quando i politici no.

Tali controlli e contrappesi sono proprio ciò che i nostri fondatori intendevano. John Adams invocava principi scientifici quando sosteneva la separazione del potere del nostro sistema costituzionale tra tre rami del governo. Lui e altri fondatori capirono che le passioni pubbliche potevano erodere il ruolo dei fatti e della ragione nel dibattito.

Ma non dovremmo fare affidamento sul sistema giudiziario per essere il baluardo della ragione nel nostro sistema politico. Dobbiamo rendere i leader delle altre due branche responsabili quando politicizzano la scienza e sostengono i politici che rispettano il ruolo che la scienza svolge nella società.

Anche il senatore Daniel Patrick Moynihan lo sapeva. Il suo richiamo agli appassionati ideologi della sua era è ancora più risonante oggi: abbiamo il diritto di possedere le nostre opinioni, ma non i nostri fatti.

Segui Halpern su Twitter @MichaelUCS.

Le opinioni espresse sono quelle dell'autore e non riflettono necessariamente le opinioni dell'editore. Questo articolo è stato originariamente pubblicato su WordsSideKick.com.


Supplemento Di Video: Is the European Union Worth It Or Should We End It?.




IT.WordsSideKick.com
Tutti I Diritti Riservati!
La Riproduzione Di Qualsiasi Materiale Consentito Prostanovkoy Unico Collegamento Attivo A Un Luogo IT.WordsSideKick.com

© 2005–2019 IT.WordsSideKick.com