Chiave "Fat Pride" Per Migliorare Il Sesso Per Le Donne Obese

{h1}

Le donne obese che hanno accettato le loro dimensioni corporee hanno avuto soddisfacenti vite sessuali, gli scienziati trovano.

Nonostante l'atteggiamento diffuso in molte società che i corpi grassi non siano sexy, le donne di taglia più grande possono avere rapporti sessuali soddisfacenti se accettano il loro corpo, rileva un piccolo studio. Le donne in sovrappeso che provano vergogna per il loro peso, tuttavia, tendono ad avere una vita sessuale meno soddisfacente.

Jeannine Gailey, sociologa della Texas Christian University, ha intervistato 36 donne che si sono identificate come grasse. I soggetti sono stati classificati come obesi o patologicamente obesi in base all'indice di massa corporea, con pesi che vanno da 215 libbre a 500 libbre (98 chilogrammi a 227 chilogrammi). Tutte le donne sono state reclutate da listserv per organizzazioni di "dimensioni accettate".

Quasi tutte le donne hanno riferito che la vergogna del corpo, l'auto-ridicolo e numerosi tentativi di perdere peso avevano influenzato le loro relazioni e le loro vite sessuali in passato. Tuttavia, 26 dei soggetti (72%) hanno dichiarato di aver imparato ad accettare i loro corpi, il che ha portato a romanzi migliori. Sette dei partecipanti non erano ancora a loro agio con le loro dimensioni; tutte queste donne hanno riferito esperienze sessuali negative o si sono astenute del tutto dal sesso. (Le restanti tre donne non si adattavano a nessuna delle due muffe: una aveva una visione negativa del suo corpo, ma una soddisfacente vita sessuale, mentre le altre due riportavano un'immagine del corpo positiva per tutta la vita, così come una soddisfacente vita sessuale).

I risultati suggeriscono che "le donne grasse coinvolte nel movimento dell'accettazione delle dimensioni tendono ad avere una migliore immagine di sé e le relazioni sessuali", ha detto Gailey a WordsSideKick.com. [5 miti sui corpi delle donne]

Perché l'immagine del corpo fa la differenza

Un'abbondanza di ricerche precedenti ha collegato un'immagine del corpo povera ad una minore soddisfazione sessuale. Questi studi hanno dimostrato che alti livelli di autocoscienza corporea attenuano il piacere sessuale, l'eccitazione, l'assertività e l'autostima, ha scritto Gailey nel numero di luglio della rivista Fat Studies.

Le donne pesanti sono i primi candidati per l'immagine negativa del corpo, in parte a causa degli stigmi sociali contro il grasso. Una ricerca pubblicata nel 1996 ha documentato che le donne grasse sono generalmente considerate pigre, poco attraenti e non sessuali, per esempio.

Gli atti sovversivi stanno dando potere, ha detto Gailey, quindi sfidare le nozioni negative sul grasso consente alle donne di prendere in carico la propria sessualità e godersi il sesso di più. "Passare da una grossa vergogna a un orgoglio grasso può diventare empowering per le donne che sono in grado di andare oltre cercando di cambiare il loro corpo per concentrarsi sullo sviluppo di relazioni soddisfacenti con gli amanti e loro stessi, nonostante l'enorme stigma sociale del grasso", ha scritto.

Le donne dello studio che hanno affermato di aver iniziato a incarnare il grasso orgoglio hanno riferito di avere finalmente la fiducia necessaria per porre fine alle relazioni negative e "riqualificare" i loro partner per soddisfarli sessualmente. "Mentre le donne sperimentano meno vergogna del corpo e maggiore sicurezza, cercano anche o attraggono partner che le trattano meglio e le apprezzano veramente", ha scritto Gailey. "I partecipanti che hanno iniziato a vedere i loro corpi belli e desiderati sembrano godere dei loro rapporti sessuali e avere esperienze migliori di quelli che non lo fanno".

I soggetti che hanno accettato le loro dimensioni hanno riportato un tema predominante di sentirsi meglio di prima, anche se hanno ancora affrontato l'inondazione quotidiana di messaggi negativi sull'essere grassi.

Comprensione dell'accettazione delle dimensioni

Gailey usò la parola "grasso" nella sua ricerca invece di "sovrappeso" o "obeso" perché è il termine preferito del movimento di accettazione delle dimensioni, che risale al 1969, quando fu fondata l'Associazione Nazionale per l'Accettazione del Grasso Avanzato. Oggi, la NAAFA è una delle numerose organizzazioni per l'accettazione delle dimensioni che prendono di mira la discriminazione contro le persone grasse e sfidano le nozioni secondo le quali solo le persone magre possono essere attraenti.

"La parola 'obesità' è una parola altamente controverso nella comunità di accettazione delle dimensioni, perché denota una condizione medica e problematizza la diversità umana", ha scritto Gailey in una e-mail a WordsSideKick.com. "Il grasso è l'aggettivo preferito dalla maggior parte perché non denota una condizione medica o suggerisce che esiste un peso ideale, come implica il termine" sovrappeso "."

Il nuovo studio è uno dei primi a raccogliere dati sulle prospettive delle donne grasse riguardo alle loro vite sessuali. La ricerca è ancora necessaria sulla storia sessuale e di incontri di donne grasse che non sono state esposte o che rifiutano l'orgoglio del grasso, così come sulla vita sessuale delle donne lesbiche e bisessuali grasse, ha detto Gailey.

Segui Jennifer Abbasi su Twitter @jenabbasi o WordsSideKick.com @wordssidekick. Siamo anche su Facebook & Google+.


Supplemento Di Video: How Amazon, Apple, Facebook and Google manipulate our emotions | Scott Galloway.




IT.WordsSideKick.com
Tutti I Diritti Riservati!
La Riproduzione Di Qualsiasi Materiale Consentito Prostanovkoy Unico Collegamento Attivo A Un Luogo IT.WordsSideKick.com

© 2005–2019 IT.WordsSideKick.com