Dolore Cronico Dovuto A Cervello Misto

{h1}

Aiutare il cervello a rimappare il corpo potrebbe ridurre il dolore cronico.

Il dolore cronico potrebbe essere un malfunzionamento della mappa del corpo del cervello, suggerisce una nuova ricerca. Allenare il cervello a dissociare il dolore da queste aree potrebbe essere un approccio promettente per il trattamento del dolore degli arti fantasma e altre sindromi dolorose.

Spesso gli stimoli dolorosi innescati da un osso rotto o da un altro trauma provocano il reintervento del cervello e, di conseguenza, il segnale di danno non viene mai spento dopo che il trauma iniziale del corpo è stato risolto. Il risultato: dolore cronico. Quindi, se il cervello è in grado di cambiare per causare dolore persistente, può essere cambiato di nuovo alla normalità per alleviare il dolore?

"Stiamo imparando che il dolore cronico è associato alla distruzione delle mappe cerebrali del corpo e dello spazio intorno al corpo", ha detto in una dichiarazione il ricercatore G. Lorimer Moseley, dell'Università del South Australia. "Quando il cervello determina la posizione di un evento sensoriale, integra la posizione dell'evento nel corpo con una mappa dello spazio, e la rottura di questi processi potrebbe contribuire al problema."

La ricerca è stata presentata oggi, 18 maggio, all'American Pain Society's Annual Scientific Meeting alle Hawaii.

I ricercatori sanno da tempo che il cervello memorizza mappe del corpo che sono integrate con sistemi neurologici che controllano, regolano e proteggono l'integrità del corpo fisicamente e psicologicamente.

Queste mappe corticali governano il movimento, la sensazione e la percezione, e ci sono prove crescenti che dimostrano che le interruzioni delle mappe del cervello si verificano nelle persone con dolore cronico, come il dolore agli arti fantasma.

È possibile che il corpo sia illeso, ma il cervello risponderà provocando dolore perché ha erroneamente interpretato uno stimolo benigno come un attacco. "Vogliamo addestrare gradualmente il cervello a smettere di cercare di proteggere il tessuto del corpo che non ha bisogno di protezione".

I ricercatori stanno studiando ora come i cambiamenti nel cervello e nella mente possono essere normalizzati con il trattamento. Moseley ha detto che il cervello può "ricollegarsi" a se stesso, un processo chiamato neuroplasticità.

"Il cervello è il punto focale dell'esperienza del dolore, ma i fenomeni di plasticità possono essere sfruttati per aiutare ad alleviare il dolore", ha detto Moseley.

Ha inoltre affermato che le mappe corporee corticali interrotte possono contribuire allo sviluppo o al mantenimento del dolore cronico e, pertanto, potrebbero essere obiettivi praticabili per il trattamento.

Un approccio di trattamento prevede di indirizzare i sistemi motori attraverso un processo che Moseley chiama "immagini motorizzate graduate". Si basa sull'uso di immagini visive per aiutare il cervello a modificare le sue percezioni del corpo dopo stimoli prolungati di dolore.

"Per qualcuno con dolore agli arti fantasma, la mappa del corpo del cervello include ancora il braccio o la gamba mozzata, e senza stimoli reali dalla regione, continua a produrre dolore", ha detto Moseley. "Il nostro lavoro dimostra che le complesse connessioni neurali nel cervello non solo sono associate al dolore cronico, ma possono essere ricollegate o manipolate attraverso la terapia che altera le percezioni cerebrali e produce sollievo dal dolore".


Supplemento Di Video: Esercizio Fisico e Salute (4° Incontro).




IT.WordsSideKick.com
Tutti I Diritti Riservati!
La Riproduzione Di Qualsiasi Materiale Consentito Prostanovkoy Unico Collegamento Attivo A Un Luogo IT.WordsSideKick.com

© 2005–2019 IT.WordsSideKick.com