Il Radar Satellitare Potrebbe Predire Le Eruzioni Più Mortali

{h1}

Il monitoraggio satellitare potrebbe avvisare delle prossime eruzioni del ring of fire.

Le eruzioni vulcaniche più mortali e più grandi del mondo avvengono in Indonesia. Le future eruzioni in questa regione piena di giungla potrebbero essere meglio prevenute usando il radar satellitare per rilevare il magma gonfio vicino al culmine di quei vulcani, suggerisce un nuovo studio.

Per cercare prove di imminenti eruzioni, gli scienziati hanno monitorato i cambiamenti superficiali a 79 vulcani con la tecnologia denominata Interferometria radar ad apertura sintetica (InSAR). I dati sono stati raccolti tra il 2006 e il 2009 dal satellite ALOS dell'Agenzia di esplorazione spaziale giapponese.

I ricercatori hanno scoperto che sei vulcani in Indonesia "gonfiati" durante il periodo di studio - e tre di questi sono poi scoppiati. Uno era il pensiero di essere dormiente: il Monte Sinabung, che nel 2007 e nel 2008 ha gonfiato 3 pollici (8 centimetri) prima di eruttare nel 2010. Più di 17.500 persone sono state evacuate.

"Se avessimo potuto avere questi dati in tempo reale, avremmo potuto avere l'idea che questo non fosse un vulcano inattivo", ha detto l'autrice Estelle Chaussard, studentessa di dottorato all'Università di Miami a Coral Gables, in Florida.

Guardare il movimento del magma

Il telerilevamento via satellite potrebbe essere uno strumento prezioso per la previsione delle eruzioni in Indonesia, compresa la sua isola più grande, Sumatra, ha dichiarato Chaussard a OurAmazingPlanet.

La nazione ospita il 13 percento dei vulcani più attivi e letali del mondo, ma le minacce come le tigri e la folta vegetazione della giungla rendono quasi impossibile il monitoraggio GPS a terra.

"Spero che in futuro potremmo usare InSAR come strumento di previsione", ha detto Chaussard. "Con questo tipo di sondaggio, siamo in grado di vedere il quadro generale: è possibile rilevare il comportamento dei vulcani con il tempo, anche se si è in condizioni di giungla, dove non si dispone di monitoraggio del suolo".

Quando la roccia fusa viaggia attraverso passaggi sotterranei sotto un vulcano, il terreno sopra di esso cambia, con alcune aree che si gonfiano mentre il magma si sposta verso l'alto e altre si sgonfiano mentre una camera magmatica si svuota.

I vulcani indonesiani sono coperti da una fitta vegetazione e, in generale, le bande radar non riescono a penetrare in tali piante. L'ALOS usava una speciale banda radar per raccogliere i suoi dati. Mentre il satellite è ormai defunto, nel 2013 è prevista la sostituzione di ALOS-2.

Lo studio è la prima volta che diversi vulcani sono stati monitorati simultaneamente utilizzando questa tecnologia. I ricercatori hanno rilevato la deformazione pre-eruzione da satellite prima, per esempio, su singoli vulcani in Alaska e nelle Hawaii.

Occhi in cielo, pericoli a terra

Il geofisico David Sandwell, che non è stato coinvolto nello studio, ha dichiarato a OurAmazingPlanet che la tecnologia InSAR potrebbe essere utile anche per monitorare i vulcani in altre aree remote come nelle Isole Aleutine, dove le eruzioni interferiscono con i voli oltreoceano. "Nessuno può arrivarci perché è così lontano", ha detto Sandwell, professore allo Scripps Institute of Oceanography di San Diego, in California.

InSAR combina due o più immagini radar di una posizione del terreno in un modo che consente agli scienziati di effettuare misurazioni molto precise dei cambiamenti tra le immagini.

Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per vedere se i risultati dello studio possono essere applicati oltre l'Indonesia, ha detto Chaussard. I vulcani indonesiani hanno giacimenti di magma molto poco profondi - situati da 0,5 a 2 miglia (da 1 a 3 chilometri) direttamente sotto la vetta - che rendono l'inflazione sommitale di misurazione un buon metodo per predire le eruzioni.

Non tutti i vulcani nello studio hanno mostrato l'inflazione prima di soffiare le loro cime, hanno osservato i ricercatori. Il Monte Merapi ha vomitato gas e cenere calda nel 2007 e nel 2008, senza cambiamenti di superficie precedenti. Merapi potrebbe avere un condotto aperto di magma, piuttosto che una camera magmatica ristretta, hanno detto i ricercatori.

Raggiungi Becky Oskin a[email protected]. Seguila su Twitter @beckyoskin. Segui OurAmazingPlanet su Twitter @OAPlanet. Siamo anche su Facebook e Google+.


Supplemento Di Video: ? GRANDES DESASTRES NATURALES DE LA HISTORIA,DOCUMENTAL DE HISTORIA,DOCUMENTAL,BEST DOCUMENTARIES.




Ricerca


Total Solar Eclipse Di Questa Settimana: Science Of The Celestial Event
Total Solar Eclipse Di Questa Settimana: Science Of The Celestial Event

History Repeats: The Great Flood Del 1993
History Repeats: The Great Flood Del 1993

Scienza Notizie


Programmi Di Marijuana Medica Possono Aiutare A Ridurre L'Uso Di Oppioidi
Programmi Di Marijuana Medica Possono Aiutare A Ridurre L'Uso Di Oppioidi

Severed Lizard Tail Ha Una Mente Propria
Severed Lizard Tail Ha Una Mente Propria

Zona Morta Del Golfo Più Piccola Della Previsione
Zona Morta Del Golfo Più Piccola Della Previsione

Esofago A Spirale: Strana Condizione Trovata Nella Donna Anziana
Esofago A Spirale: Strana Condizione Trovata Nella Donna Anziana

Perché Abbiamo Anni Bisestili?
Perché Abbiamo Anni Bisestili?


IT.WordsSideKick.com
Tutti I Diritti Riservati!
La Riproduzione Di Qualsiasi Materiale Consentito Prostanovkoy Unico Collegamento Attivo A Un Luogo IT.WordsSideKick.com

© 2005–2019 IT.WordsSideKick.com