Come Funziona La Nostalgia

{h1}

La nostalgia, contrariamente ai secoli di conoscenza comune, sembra essere una buona cosa. Scopri la scienza dietro la nostalgia di WordsSideKick.com.

Di tanto in tanto, prendo un soffio di campo estivo. L'odore in sé è un mistero (non riesco a metterci il dito sopra, è esasperante), ma è accampato, perché all'improvviso ho 10 anni, e questo calore mi riempie la pancia come se fossi sul bordo di un lago, Georgia sole sulla schiena, preparandomi a tuffarmi nell'acqua immobile e scura. Avrò freddo finché non comincio a nuotare, pesciolini che battono le dita mentre scivolo verso il dondolio sulla sponda opposta, dove i miei amici stanno aspettando.

Chiudo gli occhi, sorridendo, mentre il cuore mi duole.

È la nostalgia da manuale, quella nostalgia agrodolce per un certo periodo nel passato. L'esperienza è universale: le persone di tutte le culture, luoghi, background e età hanno nostalgia per le versioni idealizzate delle loro storie personali. I bambini di 8 anni possono provarlo [fonte: Leardi]. Condividiamo inneschi di nostalgia simili e noi nostalgiamo (sì, è una parola) degli stessi tipi di eventi.

Questa è la comprensione moderna della nostalgia, comunque. Quando un dottore svizzero ha coniato il termine nel 1688, era una storia diversa. Johannes Hofer stava osservando i soldati svizzeri di stanza all'estero quando notò che alcuni di loro mostravano sintomi inquietanti: erano depressi, storditi e ansiosi; non potevano mangiare o dormire, non avevano forza e soffrivano di febbri e palpitazioni cardiache. Hanno evitato le situazioni sociali e si sono arrabbiati con la goccia di un cappello. E loro non potevano smettere di pensare a casa [fonti: Hemmings, Daniels].

Lo chiamava "nostalgia", dal greco nostos (ritorno a casa) e algos (dolore). Nostalgia. Secondo Hofer, era "una malattia cerebrale essenzialmente causa demoniaca". Gli spiriti animali vibravano nei cervelli dei soldati nelle aree che contenevano "idee della Patria", facendoli ammalare dalla nostalgia di casa [fonte: Sedikides et al.].

La nostra comprensione della nostalgia si è evoluta considerevolmente, se non rapidamente. Era considerato un disordine, prima fisico e poi mentale, per secoli [fonte: Routledge]. Apparentemente settantaquattro soldati dell'Unione sono morti a causa della malattia durante la guerra civile americana [fonte: Matt]. Non è stato fino alla seconda metà del 20° secolo che una nuova visione ha cominciato a prendere piede [fonte: Sedikides et al.].

Da allora, i ricercatori hanno sfidato molte credenze di vecchia data sulla natura e persino sulla definizione dello stato nostalgico.

Sentimentale e agrodolce: definizione della nostalgia

Mentre alcuni dizionari moderni offrono "nostalgia" come un significato di nostalgia, questo sembra una reliquia. Nell'uso comune, semplicemente non significano la stessa cosa: la nostalgia è angosciante, mentre la nostalgia è gentile; la nostalgia riguarda il luogo, mentre la nostalgia riguarda il tempo [fonti: Werman, Hirsch].

Non è neanche reminiscenza. Nella reminiscenza, ricordiamo. Nella nostalgia, ci sentiamo. La reminiscenza può portare alla nostalgia, sebbene [fonte: Leardi].

Che cos'è esattamente la nostalgia, quindi, oltre a essere difficile da inchiodare? È l'emozione complessa che a volte sentiamo quando ricordiamo con affetto i vecchi tempi - un "desiderio sentimentale o un affetto malinconico per il passato" è come lo dice l'Oxford Dictionary. Lo stato nostalgico è agrodolce, un misto tra la felicità dei momenti amati mentalmente e la tristezza di sapere che se ne sono andati per sempre - il modo in cui ci siamo sentiti in quei tempi è finito per sempre.

Non conoscerò mai più la gioia spensierata e genuina che ho sentito nel campo.

Questi tempi cari sono di solito quelli sociali, con noi protagonisti. Probabilmente coinvolgono familiari e amici, si svolgono nell'infanzia o nella giovinezza e sono spesso almeno personalmente significativi, possibilmente importanti [fonte: Routledge]. Le persone di tutto il mondo sperimentano la nostalgia ricordando le lauree, i matrimoni, le riunioni di famiglia, i compleanni, le cene delle vacanze e le vacanze con i propri cari [fonti: Routledge, Tierney]. Se si deve credere agli scrittori di film e TV, i primi baci, i princìpi per anziani, i viaggi universitari e le biciclette con bambini del vicinato fino al tramonto sono anche foraggio per la nostalgia.

Ma ecco la cosa: i nostri ricordi non sono abbastanza accurati. Spesso modifichiamo inconsciamente qualsiasi cosa cattiva. (In realtà temevo davvero di inghiottire uno di quei pesciolini.) In questo modo, gli eventi passati e le emozioni che abbiamo nostalgia di non sono mai esistiti realmente [fonte: Hirsch].

La nostalgia è uno stato complesso, ma è così comune come diventa. Lontano da un disordine, sembra essere parte della condizione umana. La maggior parte delle persone ha nostalgia almeno una volta alla settimana [fonte: Tierney]. Alcune persone sono particolarmente inclini al nostalgismo, compresi i cronici, che potrebbero sperimentarlo come una fuga dall'ansia attuale [fonte: Tierney]. La nostalgia ha anche picchi nelle fasce di età di transizione, in particolare gli anni dell'adolescenza fino agli anni '20 (dalla dipendenza all'indipendenza) e oltre i 50 anni (da "di mezza età" a "senior") [fonte: Leardi]. Dove sto andando? e Dove sono stato? sono linee diritte verso la nostalgia [fonte: Holak e Havlena].

Canzoni, odori, fotografie e solitudine scateneranno anche la nostalgia, anche se alcuni più potenti di altri.

Nostalgia storica

Mentre la maggior parte della nostalgia è la "nostalgia personale", in cui la gente nostalgia dei ricordi autobiografici, alcune persone provano un tipo diverso. "La nostalgia storica" ​​si riferisce al desiderio che un passato non ha mai vissuto, in genere un'epoca passata (Vorrei essere cresciuto negli anni '60. Sarei stato più felice allora). La nostalgia storica sembra essere uno stato meno positivo della nostalgia personale [fonte: Parry].

Nostalgia e il tuo cervello

La nostalgia è alta nelle fasce di età di transizione: i ragazzi tra i 20 e gli over 50 (da

La nostalgia è alta nelle fasce di età di transizione: gli anni dell'adolescenza fino agli anni '20 e oltre i 50 anni (da "di mezza età" a "senior").

I trigger esterni per la nostalgia sono facili da riconoscere. Guardare vecchie foto, rievocare i vecchi tempi o incontrarsi con un amico perduto ti farà desiderare malinconicamente.

Meno ovvio, la gente sembra incline a nostalgizzare quando si sente freddo [fonte: Zhou et al.]. Torneremo a quello.

Per quanto riguarda i trigger sensoriali, la musica è potente, e le canzoni dall'adolescenza e dalla giovane età adulta sono particolarmente importanti, un fatto non perduto negli inserzionisti, che infondono pubblicità per tutto, dalle automobili allo yogurt con le tracce con cui il pubblico di riferimento è cresciuto con [fonte: Elliot]. Gli esperti teorizzano che la musica di questo periodo della nostra vita è fortemente associata ai ricordi emotivi a causa delle proprietà del cervello adolescente [fonte: Stern]. L'attività neurale attivata da una canzone che ci piace, che provoca il rilascio di "sostanze chimiche di benessere" come la dopamina, viene attivata in misura maggiore tra i 12 e i 22 anni. Questa reazione extra-intensa viene associata agli eventi e alle emozioni andando avanti mentre la canzone suona. E le emozioni che avvengono mentre la canzone suona sono anche molto intense, il risultato di tutti quegli "ormoni furiosi" all'opera nel cervello [fonte: Stern].

Non si sa molto sul ruolo del cervello nella nostalgia, ma sembra implicare connessioni tra emozioni e ricordi memorizzati [fonte: Ostashevsy]. I ricercatori hanno collegato la nostalgia innescata dalla musica con una maggiore attività nella corteccia prefrontale, che viene attivata quando recuperiamo memorie autobiografiche [fonte: Janata]. I gusti possono indurre la nostalgia in parte perché i percorsi neurali che trasportano informazioni dalle papille gustative alla fine portano in parte al sistema limbico [fonte: Murray]. Anche i dati del profumo arrivano lì.

Il sistema limbico, che include l'ippocampo e l'amigdala, gioca un ruolo nell'elaborazione e nella memorizzazione dei ricordi (ippocampo), delle emozioni (amigdala) e dei "ricordi emotivi" che si verificano quando un ricordo viene immagazzinato durante uno stato altamente emotivo [fonti: Ostashevsy, Phelps, Levit]. L'odore sembra suscitare un più forte senso di nostalgia, oltre a un episodio più positivo ed emotivo, rispetto ad altri fattori scatenanti [fonte: Reid]. Potrebbe essere perché il bulbo olfattivo, che elabora i dati di odore dal naso, è giusto nel sistema limbico. Ha collegamenti diretti con l'amigdala e l'ippocampo [fonte: NBC]. I profumi difficilmente devono viaggiare per raggiungere i nostri ricordi emozionali memorizzati.

Generalmente pensiamo ai trigger di nostalgia sulla falsariga di questi tipi di input sensoriali. Eppure uno degli inneschi di nostalgia più comuni non ha alcuna componente sensoriale.

Noodalgia di trigger di cattivi umore?

In una serie di studi pubblicati nel 2006 sul Journal of Personality and Social Psychology, è stato innanzitutto chiesto ai soggetti cosa li porta più spesso alla nostalgia. La risposta più comune non era il profumo, né la musica, né le riunioni con i vecchi amici. Erano stati malumori [fonte: Wildschut et al.].

I sentimenti negativi sembrano essere i principali fattori scatenanti della nostalgia, con la solitudine in cima alle classifiche [fonte: Routledge]. Ha un senso: i ricordi nostalgici tendono a ruotare attorno a esperienze sociali positive - bei momenti con gli amici, ridere del "tavolo dei bambini" alla cena del Ringraziamento - e in uno stato solitario, invocare quei ricordi e desiderare di riviverli, è naturale risposta [fonte: Routledge].

Ma sembra che quasi ogni umore oscuro possa portare alla nostalgia. In una componente di quella ricerca del 2006, i soggetti leggono una delle tre diverse notizie. Uno ha riferito di un disastro dello tsunami, un altro sull'atterraggio di una sonda spaziale e un altro sulla nascita di un orso polare in uno zoo. Dopo la lettura, i soggetti hanno risposto alle domande valutando i loro attuali livelli di nostalgia. I soggetti che hanno letto dello tsunami sono stati i più nostalgici di tutti i gruppi [fonte: Sedikides et al.]. Quando i ricercatori indussero l'angoscia esistenziale in un gruppo di soggetti (facendogli leggere un saggio che trattava della "insignificanza cosmica della vita umana"), quei soggetti avevano nostalgia più di quelli che avevano letto i saggi senza alcun angolo esistenziale [fonte: Routledge].

La preoccupazione può indurre nostalgia. Il dolore può indurre nostalgia. La semplice tristezza inderogabile può indurre nostalgia [fonte: Wildschut et al.].

Qualsiasi stato emotivo che possa sfidare una prospettiva positiva - qualsiasi "minaccia psicologica" - aumenta la probabilità di nostalgia [fonte: Routledge]. Potrebbe sembrare controproducente: se nel presente ci sentiamo male, il contatto emotivo con un passato felice non ci farebbe sentire di peggio per contrasto? Una volta che la malinconia scompare, sembra che alla fine saremmo lasciati con "Sono stato più felice in passato, e non potrò mai tornare là".

Sorprendentemente, sembra avere l'effetto opposto. La nostalgia, contrariamente ai secoli di conoscenza comune, sembra essere una buona cosa. Una cosa davvero buona.

Alla ricerca di un trigger?

Le probabilità sono, uno di questi ti farà malinconico:

  • "Casablanca" (1942)
  • "The Graduate" (1967)
  • "Annie Hall" (1977)
  • "Fast Times at Ridgemont High" (1982)
  • "The Big Chill" (1983)
  • "Ferris Bueller's Day Off" (1986)
  • "Stand By Me" (1986)
  • "The Wonder Years" (1988-1993)
  • "Say Anything" (1989) (in realtà, qualsiasi cosa con John Cusack)
  • "Indian Summer" (1993)
  • "Reality Bites" (1994)
  • "La mia cosiddetta vita" (1994-1995)
  • "Freaks and Geeks" (1999-2000)
  • "Almost Famous" (2000)

La Nuova Nostalgia

Ricordare i tuoi giorni di gloria del ballo è OK una volta ogni tanto. Potrebbe persino renderti felice.

Ricordare i tuoi giorni di gloria del ballo è OK una volta ogni tanto. Potrebbe persino renderti felice.

Una visita al passato caro, in particolare la sua versione idealizzata, può offrire una nuova prospettiva sul presente. Può ricordarci che non siamo soli, che la gente ci ama e che le nostre vite hanno un senso.

In altre parole, la nostalgia può farci sentire meglio. E di solito lo fa.

La ricerca dimostra che la nostalgia promuove una lista di stati mentali e comportamenti positivi. Dopo aver nostalgiato, le persone sperimentano una maggiore autostima e si sentono più socialmente connesse [fonte: Routledge]. Sono più ottimisti, generosi e creativi [fonti: Cheung et al., Tierney, Van Tilburg et al. ]. Si preoccupano meno della morte [fonte: Wildschut et al.].

La nostalgia, quindi, può essere un meccanismo di coping: uno strumento per prenderci in braccio quando ci sentiamo persi, annoiati o soli [fonti: Routledge, Routledge].

O freddo. Sembra che la nostalgia abbia qualche valore evolutivo.

Quello studio precedentemente citato che collega la nostalgia con le temperature fredde? Scoprì che i soggetti freddolosi erano più propensi a nostalgizzare di quelli comodi, sì; ma ha anche scoperto che quando i freddolosi nostalgizzavano, percepivano se stessi oi loro ambienti più caldi. Inoltre erano meno suscettibili al dolore del freddo estremo: quando i ricercatori avevano entrambi i soggetti nostalgici e non nostalgici tengono le mani nell'acqua 39 F (4 C) fino a quando non ce la fanno più, i soggetti nostalgici sono durati più a lungo [fonte: Zhou et al.]. Potrebbe essere solo il nostalgico desiderio per il passato di aiutare i nostri antenati a funzionare più efficacemente negli inverni estremi [fonte: Zhou et al.].

Ovviamente non è tutto il calore e l'umore. La nostalgia ha un senso di perdita. A volte può portare a rimpianti [fonte: Università di Southampton]. Ma nel complesso, aiuta più di quanto fa male [fonte: Leibach].

Evitare i confronti può aiutare a mantenere quell'equilibrio positivo. Una gara di felicità tra un passato idealizzato e un presente non idealizzato raramente andrà bene per il presente. E due o tre episodi di nostalgia a settimana sono abbondanti [fonte: Tierney]. Vivere nel passato non fa bene a nessuno.

Un viaggio occasionale al campo estivo, quindi - o ballo di fine anno, o il tavolo per bambini, o quel primo viaggio su strada del college - è perfettamente in salute. Diamine, è raccomandato.

Abitando sul misterioso grilletto che ti manda lì, forse meno. (Seriamente, cosa è quell'odore?) Ma tale è la vita nel presente non idealizzato.

La variante patologica

I professionisti della salute parlano ancora di nostalgia nel contesto della malattia mentale, in particolare della depressione. Questa è "nostalgia patologica". La brama di un passato idealizzato può essere dannosa per le persone che soffrono di nevrosi come le preoccupazioni croniche, in cui la nostalgia può innescare un contrasto inconciliabile e negativo tra passato e presente che diventa un focus compulsivo [fonte: Verplanken]. In condizioni di dolore patologico, la nostalgia può diventare un'ossessione che sostituisce il normale processo di lutto [fonti: Werman, Hirsch].

Nota dell'autore: come funziona la nostalgia

Il Dr. Alan R. Hirsch della Fondazione per il trattamento e la ricerca dell'odorato e del gusto ha detto questo sulla nostalgia: "La nostalgia non si riferisce a una memoria specifica, ma piuttosto a uno stato emotivo.Questo stato emotivo idealizzato è inquadrato in un'epoca passata. le emozioni si spostano su oggetti, suoni, odori e sapori inanimati che sono stati sperimentati in concomitanza con le emozioni. " Questo ha risuonato fortemente con me - quella nostalgia è davvero un desiderio per un'emozione, non un evento.

Non sembra essere la visione prevalente, però. Quindi forse la nostalgia significa cose diverse per persone diverse. Forse è questo il motivo per cui, quando mio marito mi stava aiutando a fare il brainstorming di film e programmi TV che inducono la nostalgia per "Looking for a Trigger?" barra laterale, spesso non siamo d'accordo. Tendevo verso quelli con il tema generale del "raggiungimento della maggiore età", mentre i suoi suggerimenti erano più basati sulla data di uscita - quali film e spettacoli erano popolari in diversi periodi di tempo. (Dubitava che i millennial sperimentassero la nostalgia guardando "Stand By Me", ad esempio: trovo difficile credere che qualsiasi umano possa guardare quel film senza diventare malinconico per il viaggio che è l'adolescenza.)

Mi sono guardato in lungo e in largo per trovare un altro esperto che descrivesse la nostalgia in modo così diretto come un desiderio di un'emozione passata specifica più che un evento specifico del passato, ma mi è venuto meno. Quindi ho evitato di concentrarmi su quella definizione qui. Ma solo per quello che sai, è là fuori.


Supplemento Di Video: Why do we feel nostalgia? - Clay Routledge.




Ricerca


I Mondi Microscopici Congelati Diventano Vivi Mentre La Terra Si Scalda
I Mondi Microscopici Congelati Diventano Vivi Mentre La Terra Si Scalda

Moore, Okla. Tornado - Faq
Moore, Okla. Tornado - Faq

Scienza Notizie


Stretto Di Gibilterra: Dove L'Atlantico Incontra Il Mediterraneo
Stretto Di Gibilterra: Dove L'Atlantico Incontra Il Mediterraneo

Le Cellule Staminali Potrebbero Causare Il Cancro
Le Cellule Staminali Potrebbero Causare Il Cancro

Episodio Di Soffocamento Strano Del Ragazzo: Che Cosa È L'Esofagite Eosinofila?
Episodio Di Soffocamento Strano Del Ragazzo: Che Cosa È L'Esofagite Eosinofila?

Il Composto Vegetale Nelle Carote Aumenta La Salute Del Cervello
Il Composto Vegetale Nelle Carote Aumenta La Salute Del Cervello

Perfect Storm: Blizzard, Shutdown Pummel South Dakota Ranchers
Perfect Storm: Blizzard, Shutdown Pummel South Dakota Ranchers


IT.WordsSideKick.com
Tutti I Diritti Riservati!
La Riproduzione Di Qualsiasi Materiale Consentito Prostanovkoy Unico Collegamento Attivo A Un Luogo IT.WordsSideKick.com

© 2005–2019 IT.WordsSideKick.com